Crea sito

Mese: gennaio 2017

Risotto ai funghi champignon

Il risotto ai funghi champignon è un alternativa al più classico risotto con i porcini. I funghi champignon hanno un sapore più delicato e sono decisamente più economici.
Il loro sapore delicato regalano un ottimo primo piatto.


16003075_10208738270922368_4501445162406032270_n


Ingredienti per 2 persone:

500 gr funghi champignon
olio d’oliva
prezzemolo
sale
pepe ( se piace)
200 gr riso per risotti
q.b burro
1 cipolla
parmigiano grattugiato

Come preparare il risotto ai funghi champignon

Prendete i funghi, eliminate il gambo e spellate la cappella. Tagliate i funghi a fettine e teneteli da parte.
Prendete una padella, versateci dell’olio d’oliva ed uno spicchio d’aglio e, non appena l’aglio comincia a soffriggere, aggiungete i funghi a fettine.
Saltate i funghi un paio di minuti poi sfumate con del vino bianco. Aggiustate di sale e fate cucinare i funghi un paio di minuti. A cottura ultimata, togliete dal fuoco e aggiungete del trito di prezzemolo fresco.

 

Intanto mettete a bollire una pentola d’acqua oppure, se preferite, preparate del brodo vegetale con carota, cipolla e sedano.
Per cucinare il risotto, prendete una casseruola dal fondo largo, metteteci dentro una noce di burro e non appena si scioglie aggiungete la cipolla tritata finemente.
Fate imbiondire a fuoco basso la cipolla per un paio di minuti poi aggiungete il riso e fatelo tostare un paio di minuti.
Aggiungete il vino, fate evaporare l’alcol poi aggiungete un bel mestolo di brodo vegetale oppure di acqua.
Ricordate, l’acqua o il brodo, devono bollire x tutto il tempo della cottura del risotto!

Proseguite con la cottura del risotto aggiungendo acqua bollente ogni volta che servirà.
Non appena il riso sarà a metà cottura, aggiungete i funghi e continuate la cottura.
A cottura ultimata, togliete il risotto dal fuoco e aggiungete una grossa noce di burro e una bella manciata di parmigiano grattugiato.
Mescolate ben bene fin quando non si formerà una crema densa.

Spolverate con un pochino di pepe nero e del trito di prezzemolo e servite il vostro risotto ai funghi.

16142724_10208738269882342_7733574394343570576_nllllllllll

ZEPPOLE DI CARNEVALE

Un dolce tradizionale delle feste semplice e irresistibile, è una ricetta gustosa fatta con le patate per le zeppole di carnevale fritte,

16105913_10208738449726838_4144159169430770256_n

Ingredienti

(altro…)

Hotel Rigopiano, la fine dell’incubo per i superstiti

 

Hotel Rigopiano, la fine dell’incubo per i superstiti

 

È Adriana, la moglie di Giampiero Parete, il superstite della slavina all’hotel Rigopiano, la donna salvata con suo figlio Gianfilippo dai soccorritori. «Andate da mia figlia è nella stanza accanto», ha implorato la donna ai soccorritori, che ora cercano Ludovica, la bambina.
Giampiero e Adriana abitano a Montesilvano (Pescara) ed erano in vacanza con i figli a Rigopiano. Insieme a tutti gli altri ospiti dell’albergo,avevano pagato e avevano raggiunto la hall, pronti per ripartire non appena fosse arrivato lo spazzaneve. Lui è stato dimesso e ha già riabbracciato la moglie e il figlio, che si trovano attualmente in osservazione nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Pescara.

2207652_disp

«Appena ci hanno visto erano felicissime e non sono riuscite a parlare. Dagli occhi si capiva che erano sconvolte positivamente per averci visto. Ci hanno abbracciati: c’è stata una fortissima felicità», ha raccontato il soccorritore alpino della Guardia di Finanza Marco Bini. «Li abbiamo trovati nel vano cucina, e poi abbiamo salvato le altre persone».

Salvi anche tre dei dispersi marchigiani che si trovavano nell’Hotel. Sono Domenico Di Michelangelo, 41 anni, di Chieti, poliziotto in servizio a Osimo (Ancona), la moglie Marina Serraiocco, 37 anni, di Popoli, e del loro bambino di 7 anni. Lo conferma il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni, che cita fonti «dei familiari e delle forze di polizia».

Il primo gruppo di persone individuate sotto le macerie dell’hotel Rigopiano si sarebbe trovato nella zona ricreativa dell’albergo, dove c’erano il bar e la sala biliardo. Lo dice il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, aggiungendo che la situazione è in continua evoluzione. «Con quella slavina non c’era alcuna possibilità. È davvero un miracolo», ha aggiunto sottolineando che i soccorritori stanno lavorando in condizioni difficilissime con il rischio di nuove valanghe e la nebbia che è scesa sulla zona.


https://youtu.be/sT47FDFsd50

FONTE: Il Mattino..

Sogliola Impanata e Fritta

Del buon pesce che fa sempre bene ingolosito da una bella crosticina croccante.


15781475_10208563971084981_7656339644384003406_nkkkkkkk

Ingredienti per 4 persone

sogliole 4
farina di tipo 00 150g
2 uova intere
olio di oliva 1 litro
sale qb


Procedimento (altro…)

La terra trema ancora in Centro Italia, quattro forti scosse: fino a 5.4 di Magnitudo

La prima alle 10,25 di magnitudo 5,1, poi la seconda, ancora più violenta di 5,4. Quindi una terza altrettanto forte, l’ultima dopo le 14.30. Tutte sono state avvertite distintamente nelle zone colpite dai terremoti di agosto e ottobre, ma anche fino a Roma e a Firenze. Secondo l’INGV si è trattata delle serie di repliche più potente di sempre.

L’allarme dell’INGV: “Non abbiamo mai visto una serie di repliche come quella di oggi”

 

terremoto-600x380

“Non si è mai vista una serie di terremoti succedersi con queste modalità: la successione di quattro sismi di magnitudo superiore a 5 nell’arco di tre ore “è un fenomeno nuovo nella storia recente per le modalità con le quali si manifestato”. Lo ha detto all’ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. “E’ accaduto che siano avvenuti terremoti successivi in tempi ravvicinati, a volte a distanza di pochi secondi, com’era accaduto nel 1980 in Irpinia; altre volte con un intervallo di dieci ore: il concetto non cambia”, ha detto ancora Amato. “Si sono viste più attivazioni progressive, purtroppo – ha aggiunto – non è chiaro il meccanismo che determina la variazione dei tempi”.

Terremoto: il video della scossa

https://youtu.be/IdxipHYE4q0

UN GESTO DI UMANITA’ VERSO GLI ANIMALI

Quello che stanno facendo molti proprietari di attività commerciali per aiutare gli animali randagi, ci fa avere ancora fiducia nell’umanità. Che siano di esempio.

A Istanbul, in Turchia, e in altre zone, le forti nevicate e le basse temperatura hanno provocato il caos nei giorni scorsi, diverse persone sono morte a causa del clima e anche se i senzatetto hanno dei ripari dove poter andare, non sono stati allestiti rifugi anche per i cani. Per fortuna un gruppo di persone ha offerto un riparo ai cani abbandonati perché non soffrissero le avverse condizioni climatiche. Ma non sono stati gli unici.
In mezzo a tutte queste emergenze, sono emerse storie di persone di buon cuore che hanno fatto di tutto per aiutare gli animali randagi, trasformando centri commerciali e negozi, in rifugi improvvisati.
Questa foto è diventata virale, ed è un chiaro esempio di ciò che si potrebbe fare in molti luoghi colpiti dal freddo..

perros-refugiados-por-el-frio

(altro…)

LE CALZE DELLA BEFANA…

Facili da preparare questi golosi biscottini, sono ottimi per riempire le grandi calze della Befana dei nostri bambini.

4152399737

 Ingredienti

260 g Burro
450 g Farina
1 cucchiaio di succo di limone
1 Limone
1 cucchiaino di Timo
1 Uovo
140 g Zucchero

Preparazione

Preparate una pasta frolla con 450 g di farina, 140 g di zucchero, la scorza di un limone grattugiata, un cucchiaio di foglioline di timo, 260 g di burro, un uovo e un cucchiaio di succo di limone.

Tenete la pasta nel frigo per 4 ore, poi stendetela allo spessore di 2-3 mm e ritagliatevi, con l’aiuto di una sagoma di cartoncino e di un coltellino appuntito, una decina di calze della befana.

Trasferitele su una teglia foderata di carta da forno e praticate delle incisioni laterali (per tenerle aperte infilateci un pezzetto di alluminio ripiegato) per il passaggio di un nastro.

Rimettete la teglia nel frigo per 15 minuti per stabilizzare la forma dei biscotti (operazione che va ripetuta sempre, prima di cuocere i dolcetti, in tutte le ricette), poi cuoceteli a piu riprese nel forno a 180°C per 12-14 minuti: una volta sfornati e freddi, infilateli con nastri colorati e formate dei festoni da appendere….

DELIZIE AL LIMONE

Delizie al limone,pan di spagna ricoperto con una morbida crema al limone  tutte da gustare e perfette in ogni circostanza: chi ama i dolci non può non cedere di fronte a una di questa delizia al limone

15747524_10208597347519371_973902359040263708_n

Ingredienti pan di spagna

160-180 g di farina 00 ( oppure 100 g di farina e 60 di fecola)
6 uova medie (rigorosamente a temperatura ambiente)
160 g di zucchero semolato

Ingredienti per la crema al limone

2 uova
60 grammi di burro
100 gr di zucchero semolato
2 limoni non trattati (sia il succo che la buccia)
1 cucchiaino di amido di mais

(altro…)

Pandoro APPETITOSO

Ecco come rendere ancora più goloso e ghiotto il pandoro! Per la sera della vigilia, per il pranzo di natale e per tutte le merende di festa, ecco la ricetta del pandoro Appetitoso


15825894_10208597334519046_1633801829461074712_nllllllllllll


Ingredienti:

  • Mezzo pandoro circa a fette orizzontali
  • 250 g di mascarpone
  • 200 g di panna da montare
  • 2 cucchiai di crema di nocciola
  • latte e caffè per la bagna
  • cacao in polvere
  • gocce di cioccolato qb

15781018_10208597339479170_5581443340764157635_n-horz (altro…)