Crea sito

ATTUALITA

Trump avvisa e mette in guardia la Cina ‘Pagherà se non è un errore’

Anche l’Australia chiede un’indagine internazionale sull’origine del virus

 

“Se la Cina si è resa intenzionalmente responsabile della diffusione del virus dovrebbe pagarne le conseguenze. Se invece è stato un errore è diverso”. Donald Trump minaccia Pechino, dopo averla accusata di nascondere i dati e di avere un bilancio reale di vittime ben più alto di quello record degli Usa, che stanno raggiungendo i 40 mila morti ma già tornano ad affollare le spiagge riaperte dalla Florida. Ora, ha spiegato il presidente nel suo ultimo briefing, si tratta di capire “se è stato un errore finito fuori controllo o se lo hanno fatto deliberatamente. C’è una grande differenza tra le due cose ma in ogni caso devono lasciarci indagare. Io l’ho chiesto subito ma loro non hanno voluto, penso che fossero imbarazzati”, ha osservato lasciando aperto il sospetto non solo di un incidente di laboratorio ma anche di una mossa voluta, mentre l’intelligence Usa continua le sue indagini.

Il laboratorio dell’Istituto di virologia di Wuhan, la città cinese dove si è propagato il coronavirus, ha negato immediatamente: “E’ impossibile, nessuno dei ricercatori si è infettato”, ha ribadito il direttore Yuan Zhiming. Scienziati cinesi hanno affermato che il virus è passato probabilmente da un animale agli umani in un mercato di Wuhan che vendeva animali selvatici, ma l’esistenza del vicino laboratorio ha gettato un’ombra su questa versione.

Anche l’Australia intanto ha messo in dubbio la trasparenza di Pechino nella gestione dell’epidemia e ha chiesto un’indagine internazionale sull’origine del virus e la sua diffusione nel mondo. “Penso sia importante e noi insisteremo assolutamente su questo”, ha assicurato la ministra degli Esteri australiana Marise Payne in un’intervista alla Abc. Gli ha fatto eco il senatore americano David Hawley, repubblicano, che ha proposto una commissione internazionale guidata dagli Usa e ha chiesto che ai famigliari delle vittime di Covid-19 sia consentito di fare causa al governo cinese, mentre già si profilano le prime class action da parte di imprese statunitensi per i danni subiti. Nei giorni scorsi pure il presidente francese Emmanuel Macron ha sollevato dubbi, sostenendo che nella gestione del virus in Cina “sono successe cose che non sappiamo”.

CORONAVIRUS cosa si potrà fare dal 4 maggio, dallo sport, agli spostamenti

Il Consiglio dei ministri vaglia tutte le ipotesi di riapertura in vista del 4 maggio: ecco cosa potremo tornare a fare

E’ ormai chiaro a tutti che la Fase 2 del Governo prevederà un graduale e lento ritorno alla normalità. Nessuna accelerazione, men che meno nessuna fuga in avanti: per evitare nuove ricadute, l’Esecutivo utilizzerà tutte le accortezze del caso, anche se agli occhi dei più le misure adottate potrebbero risultare sin troppo restrittive.

Discorso valido tanto per i cittadini quanto per le attività produttive: tutti dovranno fare buon viso a cattivo gioco e attendere ancora qualche settimana in più per il rompete le righe. Il rischio di una recrudescenza, infatti, è ancora alto e né il Governo né il Paese possono permettersi una nuova serrata. Per questo le misure che il Governo sta iniziando a studiare per la riapertura del prossimo 4 maggio potrebbero sembrare, per alcuni versi, un po’ esigue.

Cosa si potrà fare dal 4 maggio: lo sport

Il settore che dovrebbe godere di maggiori concessioni è quello dello sport. I professionisti dovrebbero tornare ad allenarsi in vista della ripresa dei campionati, mentre gli amatori potranno tornare a fare esercizi all’aria aperta senza troppe limitazioni. Non è ancora il momento della riapertura delle palestre e dei centri sportivi, ma chi fa jogging e chi ama corre potrà tornare a farlo anche oltre i 200 metri da casa, a patto che non si tratti di allenamenti di gruppo.

Cosa si potrà fare dal 4 maggio: trasporti e spostamenti

Con il nuovo Decreto, inoltre, dovrebbe essere ristabilita una condizione di semi-normalità anche per i trasporti pubblici. Dovrebbero aumentare le corse, fortemente ridotte dopo il lockdown di inizio marzo, anche se il ministero dei trasporti sta studiando con le associazioni di categoria delle misure che garantiscano la salute e la sicurezza dei lavoratori e dei passeggeri. Dovrebbero essere istituite delle “guide a terra” alle fermate degli autobus e nelle stazioni dei treni, in modo che sia più semplice formare delle file ordinate e che consentano di rispettare le distanze di sicurezza; accessi “a numero chiuso” sui mezzi pubblici e sedute sfalsate per garantire il social distancing anche quando si è seduti.

Cosa si potrà fare dal 4 maggio: bar e ristoranti

Al momento, sembra che le attività del settore della ristorazione dovranno ancora attendere qualche settimana. La riapertura di bar e ristoranti dovrebbe essere infatti rimandata a metà mese, se non addirittura alla fine di maggio. L’obiettivo è quello di evitare il più possibile la formazione di assembramenti in luoghi chiusi.

Cosa si potrà fare dal 4 maggio: i parchi

Dal 4 maggio, infine, dovrebbero riaprire i cancelli dei parchi pubblici. Una scelta che permetterebbe ai più piccoli (e alle loro famiglie) di avere spazi idonei dove giocare e divertirsi all’aria aperta (sempre rispettando le norme sanitarie elementari che abbiamo osservato in questi due mesi).

Fonte QFinanza

Risolvere il problema dei crash di iPhone-IOS per il carattere indiano

Simbolo indiano blocca l’ IOS, qual è (e come risolvere il bug)

 

 

 

 

 

 

 

 

Avrete sicuramente  saputo se siete utenti iPhone, l’ultima versione del sistema operativo, iOS 11.2.5, è afflitta da un grave bug: un particolare carattere indiano, per essere precisi della lingua TELUGU causa il crash di qualsiasi applicazione provi a mostrarlo e, ancor peggio, può causare il crash dell’intero sistema. In alcuni casi particolari, può addirittura essere necessario eseguire un ripristino dell’ iPhone o dell’ iPad o del Mac colpito.

A tal proposito, lo ribadiamo ancora una volta: non inviate il carattere indiano ai vostri amici o parenti. Non è divertente, non è uno scherzo simpatico, è solo un comportamento irresponsabile e irrispettoso, che può portare la persona colpita a perdere irrimediabilmente i propri dati personali (nel caso non abbia un backup aggiornato), oltre che a richiedere una grande quantità di tempo per risolvere.

(altro…)

Shopping? dipende dal segno zodiacale

Oroscopo: i 12 Segni alle prese con lo shopping

 

È interessante osservare come ci comportiamo quando andiamo a fare shopping. Ci sono persone che amano trascorrere il loro tempo nei negozi, altre che ci vanno solo quando si rende indispensabile e altre ancora che vorrebbero acquistare tantissime cose senza spendere un quattrino. In base al nostro Segno Zodiacale possiamo scoprire che attitudine abbiamo nei confronti dello shopping. Scrutando nelle Stelle, l’Oroscopo ci fa scoprire qualcosa in più su di noi e gli altri.
ARIETE – Per te lo shopping, a lungo andare, potrebbe essere noioso. Non ti piace girare tra i negozi e perdi facilmente la pazienza se non trovi qualche indumento della tua taglia o se arrivi in un negozio quando hanno terminato quello che volevi acquistare. Potresti girare tutti i negozi della tua città fin quando non trovi quello che avevi in mente: raggiungere il tuo obiettivo, anche se si tratta di acquistare un determinato oggetto, è la cosa più importante e l’elemento “sfida” serve a motivarti.TORO – Solitamente sei una persona conservatrice e non ami spendere il tuo denaro per cose inutili ed effimere. È tua abitudine però colmare con lo shopping qualsiasi tua carenza affettiva. Se pensi di non ricevere abbastanza coccole o attenzioni dagli altri oppure se ti senti triste, ti concedi un cibo raro, raffinato, pregiato e gustoso oppure un capo di abbigliamento costoso e confortevole. Per te la comodità è sacra e, pur di non rinunciarci, sei capace di spendere anche delle cifre esose di denaro.GEMELLI – Qualcuno dovrebbe insegnarti che i soldi non sono noccioline e che dovresti essere un po’ più prudente nelle tue spese, soprattutto quando ti trovi in momenti di ristrettezze economiche. Per te però è troppo difficile resistere alle tentazioni dello shopping: magari rinunci ad acquistare una cosa troppo costosa però ne acquisti dieci che, tutte insieme, superano l’importo di quella a cui hai rinunciato. Le strategie di marketing dei venditori più astuti hanno totalmente effetto su di te. Attenzione!

CANCRO – Sei una persona generosa e romantica. Per questo fare shopping per te significa principalmente acquistare qualcosa che possa rendere felici le persone a cui vuoi bene (e tu vuoi bene a tutta la famiglia). Ti piace avere qualche capo firmato perché ti aiuta ad avere maggiore sicurezza. Entrare in negozi lussuosi ti fa sentire importante, anche se solo per qualche minuto. Se non puoi permetterti spese troppo elevate, non entrare nel panico e non lamentarti: puoi andare a far shopping con la mamma!

LEONE – Lo shopping è sicuramente uno dei tuoi passatempi preferiti. Ti piace metterti in mostra e appena entri in un negozio le commesse ti temono perché fai mettere il negozio sottosopra pur di trovare quello che desideri. Non dai limiti alle tue spese, soprattutto se si tratta di indumenti dai colori sgargianti oppure di gioielli o di oggetti maestosi e rari da trovare altrove. Ti diletti spesso a visitare anche negozi d’arte o ad acquistare pezzi d’antiquariato per arredare la tua sontuosa abitazione.

VERGINE – Prima di fare shopping, tu hai bisogno di fare bene tutti i tuoi calcoli per capire che tipo di spese ti puoi concedere e per scegliere la forma di pagamento più idonea al tuo caso. Per te è quasi impossibile sgarrare col denaro e fai le tue spese con estrema cautela. Sei a conoscenza di tutti gli sconti e di tutte le offerte della tua città. C’è un unico settore in cui ti lasci andare ed è quello medico e paramedico: le farmacie sono sicuramente tra le migliori beneficiarie delle tue spese pazze.

BILANCIA – Fare shopping per te significa essenzialmente fare qualcosa per agevolare la tua bellezza. Le profumerie ti attirano come calamite e riescono a farti spendere più di quanto qualsiasi persona potrebbe soltanto immaginare. Adori trascorrere le ore nei negozi a provare vestiti di tante tipologie diverse e perderti nelle tue indecisioni sull’acquisto di un capo piuttosto che un altro. Sei la persona di fiducia che tutti scelgono per essere accompagnati nel fare piacevolmente compere di ogni tipo insieme.

SCORPIONE – Quando vai a fare shopping, vorresti acquistare tutto quello che ti piace, ma allo stesso tempo vorresti non dover spendere un soldo e trovare un escamotage per ottenere gratuitamente quello che desideri. Solitamente ti piacciono delle cose che altre persone non guarderebbero nemmeno e perciò ti capita molto raramente che siano finiti i capi della tua taglia o del tuo colore preferito. Quando pensi che qualcosa costi più del suo valore, provi ad usare la tua arte persuasiva per ricevere uno sconto.

SAGITTARIO – Per te lo shopping deve essere un momento di svago e detesti accompagnare a far shopping persone che lo vivono con stress e tensione. Ti piace specchiarti nei camerini dei negozi e a volte ti provi dei capi per il semplice gusto di far ridere e divertire chi ti accompagna. Ti piace anche sorprendere gli altri con dei regali inaspettati, acquistati sul momento. E anche se nessuno se ne accorge, tu sai perfettamente quanti soldi hai a disposizione per i tuoi acquisti (e poi c’è la carta di credito!).

CAPRICORNO – Fare shopping per te può essere considerata una vera tortura. Per te lo shopping andrebbe fatto soltanto per le cose essenziali, ossia tutte quelle cose che possono rendere più confortevole la tua attività lavorativa. Tendenzialmente vai a fare acquisti sempre negli stessi negozi, che sono abbastanza classici e tradizionali. Pensi che aspettare i saldi sia la scelta più intelligente per soddisfare le esigenze del tuo look. Dopo tanta fatica sul lavoro, perché non concedersi un regalino ogni tanto?

ACQUARIO – Secondo la tua visione alternativa della vita, fare shopping è un’attività che si potrebbe serenamente evitare. Per te è impensabile perdere il tuo tempo in fila alle casse per pagare qualcosa di cui, se ci pensi bene, potresti anche fare a meno. Preferisci spendere il tuo denaro per altre cause, che spesso non ti portano ad accumulare nulla di materiale. Quando vuoi concederti qualche sfizio, preferisci negozi e marchi equosolidali, che possibilmente devolvano parte del ricavato in beneficenza.

PESCI – Tu sei la tipica persona che va a fare shopping per comprare una cosa in particolare e torna a casa con tantissime altre cose che non hanno nulla a che fare con quella. Se ti dimentichi cosa volevi acquistare, probabilmente non era così necessario come dicevi. Ti piace comunque perderti nei centri commerciali e talvolta ti lasci ingenuamente fermare anche da chi vuole farti proposte d’acquisto ambigue e poco convenienti. Ricordati sempre di contare il resto quando sei alla cassa di ogni negozio!

Fonte: TGCom24 Articolo del web

Il Cielo al tramonto osservato ieri 29/10/2017. Inquinamento e/o scie chimiche?

Inquinamento e/o scie chimiche?

Niente di preoccupante solo una condizione particolare dovuta alla diffusione del vapore acqueo

 

Il Cielo al tramonto osservato ieri 29/10/2017. Inquinamento e/o scie chimiche? NO, spiega al Corriere della Sera Maurizio Mugeri, Fisico dell’Atmosfera presso l’Università di Milano. “Erano nubi troppo alte che stazionavano verso il limiti della stratosfera e l’inquinamento in questa caso non è la causa del loro effetto spettacolare. Si è creata una condizione particolare dovuta alla diffusione del vapore acqueo – precisa Maugeri – per cui la luce del sole al tramonto attraversando i cristallini produceva colori e disegni straordinari simili alle nubi lenticolari che però in genere si presentano separate. L’inquinamento agisce a livelli più bassi e poi negli ultimi giorni una ventilazione discreta sulla Val Padana ha abbassato i livelli inquinanti, quindi non può generare conseguenze simili”.

Hotel Rigopiano, la fine dell’incubo per i superstiti

 

Hotel Rigopiano, la fine dell’incubo per i superstiti

 

È Adriana, la moglie di Giampiero Parete, il superstite della slavina all’hotel Rigopiano, la donna salvata con suo figlio Gianfilippo dai soccorritori. «Andate da mia figlia è nella stanza accanto», ha implorato la donna ai soccorritori, che ora cercano Ludovica, la bambina.
Giampiero e Adriana abitano a Montesilvano (Pescara) ed erano in vacanza con i figli a Rigopiano. Insieme a tutti gli altri ospiti dell’albergo,avevano pagato e avevano raggiunto la hall, pronti per ripartire non appena fosse arrivato lo spazzaneve. Lui è stato dimesso e ha già riabbracciato la moglie e il figlio, che si trovano attualmente in osservazione nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Pescara.

2207652_disp

«Appena ci hanno visto erano felicissime e non sono riuscite a parlare. Dagli occhi si capiva che erano sconvolte positivamente per averci visto. Ci hanno abbracciati: c’è stata una fortissima felicità», ha raccontato il soccorritore alpino della Guardia di Finanza Marco Bini. «Li abbiamo trovati nel vano cucina, e poi abbiamo salvato le altre persone».

Salvi anche tre dei dispersi marchigiani che si trovavano nell’Hotel. Sono Domenico Di Michelangelo, 41 anni, di Chieti, poliziotto in servizio a Osimo (Ancona), la moglie Marina Serraiocco, 37 anni, di Popoli, e del loro bambino di 7 anni. Lo conferma il sindaco di Osimo Simone Pugnaloni, che cita fonti «dei familiari e delle forze di polizia».

Il primo gruppo di persone individuate sotto le macerie dell’hotel Rigopiano si sarebbe trovato nella zona ricreativa dell’albergo, dove c’erano il bar e la sala biliardo. Lo dice il sindaco di Farindola, Ilario Lacchetta, aggiungendo che la situazione è in continua evoluzione. «Con quella slavina non c’era alcuna possibilità. È davvero un miracolo», ha aggiunto sottolineando che i soccorritori stanno lavorando in condizioni difficilissime con il rischio di nuove valanghe e la nebbia che è scesa sulla zona.


https://youtu.be/sT47FDFsd50

FONTE: Il Mattino..

La terra trema ancora in Centro Italia, quattro forti scosse: fino a 5.4 di Magnitudo

La prima alle 10,25 di magnitudo 5,1, poi la seconda, ancora più violenta di 5,4. Quindi una terza altrettanto forte, l’ultima dopo le 14.30. Tutte sono state avvertite distintamente nelle zone colpite dai terremoti di agosto e ottobre, ma anche fino a Roma e a Firenze. Secondo l’INGV si è trattata delle serie di repliche più potente di sempre.

L’allarme dell’INGV: “Non abbiamo mai visto una serie di repliche come quella di oggi”

 

terremoto-600x380

“Non si è mai vista una serie di terremoti succedersi con queste modalità: la successione di quattro sismi di magnitudo superiore a 5 nell’arco di tre ore “è un fenomeno nuovo nella storia recente per le modalità con le quali si manifestato”. Lo ha detto all’ANSA il sismologo Alessandro Amato, dell’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia. “E’ accaduto che siano avvenuti terremoti successivi in tempi ravvicinati, a volte a distanza di pochi secondi, com’era accaduto nel 1980 in Irpinia; altre volte con un intervallo di dieci ore: il concetto non cambia”, ha detto ancora Amato. “Si sono viste più attivazioni progressive, purtroppo – ha aggiunto – non è chiaro il meccanismo che determina la variazione dei tempi”.

Terremoto: il video della scossa

https://youtu.be/IdxipHYE4q0

Maltempo, Protezione Civile: in arrivo freddo e venti forti

 Maltempo, in arrivo freddo e venti forti

768579

Un’ampia zona di bassa pressione sull`Europa orientale determinerà, dalla giornata di oggi, un`intensificazione della ventilazione nei bassi strati, associata, da domani, a nevicate sui rilievi del centro-sud Italia e ad un generale calo termico, specie sulle Regioni adriatiche centrali e al Sud.
Sulla base delle previsioni disponibili, il Dipartimento della Protezione Civile d`intesa con le Regioni coinvolte ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse che prevede, dal pomeriggio di oggi, venti forti settentrionali sul Piemonte, mentre, dal primo mattino di domani, venti forti dai quadranti settentrionali, con raffiche di burrasca forte, su Puglia, Basilicata e Calabria, in particolare sulle zone adriatiche e ioniche, con possibili mareggiate lungo le coste esposte.

1 2 3